Comune Cavezzo
Amministrazione Trasparente
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Biblioteca Comunale
Speciale Scuola
Polizia Municipale
Protezione Civile
Servizio Civile Nazionale
Associazione Comuni Modenesi Area Nord
Associazioni
SMS Traffic
Iscriviti alla newsletter del Comune di Cavezzo

Autocertificazione
Autore:Servizi demografici - Ultimo Aggiornamento:16/09/2016 8.01.30 Stampa Documento


Normativa di riferimento 

D.P.R. N° 445/2000.

Ogni cittadino può presentare al posto dei certificati richiesti una
autocertificazione, cioè una dichiarazione che sostituisce il certificato. 
E' possibile dunque presentare o spedire agli uffici pubblici ed ai gestori di
pubblici servizi (Enel, Telecom, Aci ecc.) una dichiarazione personale
attestante quanto avrebbe dovuto apparire sui certificati o sugli atti
rilasciati dalla pubblica amministrazione.

Modalità di presentazione dell'autocertificazione
Le autocertificazioni si presentano direttamente alle pubbliche amministrazioni
e ai gestori di pubblici servizi, in carta semplice, al posto dei certificati.

Tipologie di certificati sostituibili con l'autocertificazione

Con le autocertificazioni il cittadino sostituisce in modo definitivo i seguenti documenti:
 - data e luogo di nascita;
 - residenza;
 - cittadinanza;
 - godimento dei diritti civili e politici; 
 - stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
 - stato di famiglia;
 - esistenza in vita; 
 - nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente; 
 - iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni; 
 - appartenenza a ordini professionali;
 - titolo di studio, esami sostenuti;
 - qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di  abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
 - situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
  - assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
 - possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato  presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
 - stato di disoccupazione;
 - qualità di pensionato e categorie di pensione;
 - qualità di studente;
 - qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili; 
 - iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo; 
 - tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio; 
 - di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di  provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di  decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
 - di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
 - qualità di vivenza a carico;
 - tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello Stato Civile; 
 - di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato. 
 La firma non deve essere autenticata, ma è necessario allegare fotocopia di un valido documento d'identità del dichiarante.

Quando usare l'autocertificazione
L'autocertificazione è utilizzabile solo nei rapporti con una qualsiasi pubblica
amministrazione o gestore di pubblico servizio e/o ai privati che decidono di
accettarla. Non può essere utilizzata per presentare atti o documenti
all'autorità giudiziaria.

Costi                                                                                                                                    Nessuno, anzi con l'autocertificazione si risparmia sempre l'imposta di bollo.

 

Documenti da Scaricare:


Per maggiori informazioni rivolgiti a:

Note legali - Privacy - Elenco siti tematici