Comune Cavezzo
Amministrazione Trasparente
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Biblioteca Comunale
Speciale Scuola
Polizia Municipale
Protezione Civile
Servizio Civile Nazionale
Associazione Comuni Modenesi Area Nord
Associazioni
SMS Traffic
Iscriviti alla newsletter del Comune di Cavezzo

Ensemble Sharg Uldusù a Effetto Musica il 24 aprile
Autore:Ufficio Cultura - Ultimo Aggiornamento:01/04/2008 11.52.07 Stampa Documento


ensemble sharg uldusù.jpg

Giovedì 24 aprile 2008, ore 21
Medolla, Teatro Facchini

ENSEMBLE SHARG ULDUSÙ

SALAAM - SHALOM concerto per la Pace

Paolo Buconi - violino, voce
Fakhraddin Gafarov - tar, saz
Ermanno Librasi - clarinetto, kaval, zurna, balaban
Zakaria Aouna - bendir, darbuka

SALAAM – SHALOM concerto per la Pace: la musica dell’Islam e quella ebraica s’intrecciano in un fitto rincorrersi di suoni ed emozioni, fino a fondersi in un abbraccio ideale di speranza e consapevolezza.

L’Ensemble Sharg Uldusù (che significa “Stelle d’ Oriente”) propone un repertorio sia colto che popolare, di melodie raccolte in una vasta area geografica che si estende dal Mar Caspio al Maghreb, interessando le tre grandi scuole musicali del vicino e medio oriente: quella turca, quella araba e quella persiana. La ricerca musicale si sviluppa tra Oriente e Occidente attraverso la meditazione e la danza, la purezza del suono e il ritmo coinvolgente: “Sapori e colori ancora poco noti al grande pubblico ma di una tale ricchezza da trascendere le mode e i mercati”. Le melodie sono “onirici viaggi in luoghi ancestrali della memoria, perle di semplicità e virtuosismo” così come i ritmi suggeriscono “antichi
riti e danze sensuali”.
Fakhraddin Gafarov è considerato il più grande suonatore di tar (strumento orientale a 5 o 11 corde) in Azerbaijan. Nato a Baku, ha dovuto lasciare la sua città per aver contribuito alla causa dei valori tradizionali della cultura azera, lui che ormai era divenuto direttore del Conservatorio nazionale di Musica di Baku. Dopo aver soggiornato in Germania come rifugiato politico, attualmente vive e lavora a Milano.
Ermanno Librasi, musicista di formazione classica, si dedica successivamente alla musica jazz studiando sax tenore e armonia con Paolo Tomelleri, sax soprano e improvvisazione con Emanuele Cisi (entrambi musicisti di fama internazionale). Dirige una big band di 21 elementi e suona in numerosi gruppi sia in Italia che in Svizzera. Nei primi anni Novanta segue la “svolta etnica”, intrapresa da molti artisti, che praticano l’improvvisazione come linguaggio capace di mettere in comunicazione culture musicali diverse.
Zakaria Aouna, nato a Rabat, Marocco, da una famiglia di musicisti, studia fin da bambino gli strumenti a percussione tipici della tradizione del suo paese: bendir, darbuka, qraqeb e altri ancora. Si esibisce col virtuoso di ud Hamid Hanouar, con lo zio Ben Izza Aouna, apprezzato violinista, e col maestro Hossein Toulale. In Italia viene invitato da Antonio Infantino a far parte del gruppo musicale “I Tarantolati di Tricarico” dove approfondisce anche la conoscenza degli strumenti etnici a percussione tipici del sud Italia.
Paolo Buconi, violinista, nel 1992 ha fondato il Trio Vladah e si è esibito in diverse rassegne di musica etnica e klezmer in Italia, Germania, Francia e Austria. Ha collaborato come docente con l’ Università Primo Levi di Bologna. Ricercatore etnomusicologo, possiede la rara capacità di unire il canto della voce a quello del violino; è autore di musiche di scena per il teatro, attore e musico nel teatro e nel cinema. Figlio di un ex deportato nei lager nazisti, ha collaborato tra l’altro con l’ ANED, l’ Associazione Figli della Shoah e con la Scuola di Pace di Montesole.

 

INGRESSO GRATUITO

 

EFFETTO CINEMA Medolla, Teatro Facchini
Venerdì 25 aprile, ore 21
Il falsario - Operazione Bernhard (Austria/Germania, 2007)
di Stefan Ruzowitzky

 


Per maggiori informazioni rivolgiti a:

Note legali - Privacy - Elenco siti tematici