Comune Cavezzo
Amministrazione Trasparente
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Biblioteca Comunale
Speciale Scuola
Polizia Municipale
Protezione Civile
Servizio Civile Nazionale
Associazione Comuni Modenesi Area Nord
Associazioni
SMS Traffic
Iscriviti alla newsletter del Comune di Cavezzo

Rifiuti vegetali: sfalci e potature
Autore:Ufficio Igiene Urbana e Ambiente - Ultimo Aggiornamento:15/01/2009 16.10.51 Stampa Documento


potature.jpg

In seguito all'entrata in vigore del D.M. 8 aprile 2008 sono state adottate nuove modalità di conferimento dei rifiuti vegetali (sfalci e potature).

Dal giorno 1 gennaio 2009, si accetteranno, presso la stazione ecologica attrezzata di Cavezzo, solamente i rifiuti vegetali provenienti dalle aree di pertinenza privata, alle seguenti condizioni:

A) le aree verdi private siano di pertinenza delle utenze, domestiche (famiglie) e non domestiche (attivita’), che pagano regolarmente la tariffa o la tassa sullo smaltimento dei rifiuti, la cui attività’ professionale primaria sia differente dalla manutenzione del verde;

B)  le utenze domestiche (famiglie) e non domestiche (attivita’), che pagano regolarmente la tariffa o la tassa sullo smaltimento dei rifiuti e la cui attività’ professionale primaria sia differente dalla manutenzione del verde, potranno conferire i propri rifiuti vegetali solo nella stazione ecologica attrezzata del comune in cui e’ localizzata la propria utenza, compatibilmente con gli spazi interni disponibili dell’area, contattando o recandosi preventivamente presso quest’ultima: non sono ammessi conferimenti fuori comune;

C)  i rifiuti vegetali dovranno essere trasportati dall’utente:
· con automezzo personale;
· con proprio automezzo aziendale, se trattasi di utenza non domestica (attivita’);
· con automezzi non di proprieta’ dell’utenza produttrice purche’ non siano utilizzati  professionalmente per attivita’ di trasporto rifiuti per conto di terzi. In tal senso non potranno accedere alla sea gli automezzi di proprieta’ di vivaisti o manutentori del verde ed automezzi di imprese che esercitano per professione l’attivita’ di trasporto rifiuti;
·  in questo caso il conducente dell’automezzo, una volta entrato in stazione ecologica e prima di scaricare il rifiuto, dovra’ presentare all’operatore addetto alla custodia la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ai sensi del dpr n.445/2000, compilata e firmata dal cittadino che ha prodotto il rifiuto;

D) i vivaisti e i soggetti che svolgono manutenzione di aree verdi presso cittadini ed aziende, potranno continuare a conferire gratuitamente rifiuti lignocellulosici (potature e sfalci) presso l’impianto di compostaggio di Fossoli di Carpi a condizione che per ogni conferimento di rifiuti presentino formulario di identificazione rifiuti ai sensi dell’art. 193 del d.lgs 152/2006 e del d.m. n. 145 del 01/04/1998. nel caso in cui effettuino anche il servizio di trasporto, dovranno essere in possesso di regolare iscrizione all’albo nazionale gestori ambientali ai sensi dell’art. 212, comma 8 del d.lgs 152/2006 (iscrizione per il trasporto di rifiuti in conto proprio);

E) se il trasporto verrà effettuato da ditta terza che svolge professionalmente attività di trasporto rifiuti per conto terzi è necessario che questa sia iscritta all’albo nazionale gestori ambientali con procedura ordinaria (cat. 1 o 4) per il codice cer 20 02 01 (rifiuti biodegradabili).

 

Documenti da Scaricare:


Per maggiori informazioni rivolgiti a:

Note legali - Privacy - Elenco siti tematici