Comune Cavezzo
Amministrazione Trasparente
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Biblioteca Comunale
Speciale Scuola
Polizia Municipale
Protezione Civile
Servizio Civile Nazionale
Associazione Comuni Modenesi Area Nord
Associazioni
SMS Traffic
Iscriviti alla newsletter del Comune di Cavezzo

Decesso di un Familiare
Autore:Ufficio Servizi Cimiteriali - Ultimo Aggiornamento:06/02/2012 10.39.46 Stampa Documento


COSA FARE

  • SE IL DECESSO AVVIENE IN CASA occorre:
    • chiamare il medico curante, o la guardia medica, per l’accertamento delle cause di morte e la redazione di un apposito certificato;
    • avvisare, direttamente o tramite una agenzia di Onoranze Funebri, il medico necroscopico il quale procederà all’accertamento di morte e stilerà un altro certificato;
    • denunciare all’Ufficio di Stato Civile il decesso (fornendo i dati anagrafici del defunto) entro le 24 ore, portando i certificati rilasciati sia dal medico curante (o dalla guardia medica) che dal medico necroscopico.
  • SE IL DECESSO AVVIENE IN OSPEDALE alle certificazioni di cui sopra provvede l’Amministrazione Ospedaliera che le trasmetterà al comune di evento il quale a sua volta le trasmetterà al comune di residenza della persona defunta.
  • SE IL DECESSO AVVIENE PER MORTE VIOLENTA, MORTE IMPROVVISA PER STRADA O IN LUOGHI PUBBLICI, OVVERO IN CASO DI MORTE DI PERSONE CHE VIVONO SOLE
    • è necessario avvertire l’Autorità Giudiziaria (chiamando il 113 o il 112), la quale, dopo gli accertamenti di legge, darà disposizione per la rimozione della salma;
    • ottenuto il NULLA OSTA al seppellimento dalla Procura della Repubblica, sarà possibile redigere l’atto di morte e il permesso di seppellimento a cura dell’Ufficio di Stato Civile dove è avvenuto il decesso.


SUCCESSIVAMENTE…

  • Prendere contatti con una Agenzia di Onoranze Funebri per l’organizzazione del rito funebre.
  • Concordare col personale dell’Ufficio Servizi Cimiteriali:
    • la data e l’ora del rito funebre, specificando il luogo e l’ora di partenza, la modalità di trasporto (corteo a piedi e/o in auto), eventuali soste (che devono essere autorizzate), lo svolgimento di un rito religioso e l’orario previsto per l’arrivo al luogo di seppellimento;
    • la forma di sepoltura scelta (tumulazione, inumazione o cremazione);
    • la postazione di seppellimento in base alla disponibilità del momento e/o alla normativa locale;
  • Recarsi all’Ufficio Servizi Cimiteriali per ritirare il prospetto delle spese e, se il caso, per la stipula della concessione.

TUMULAZIONE
La tumulazione è il seppellimento di una salma o di resti cinerari in un loculo o in celletta per resti.
Prevede, quando non sia già esistente, la concessione d’uso del loculo e/o della celletta per resti mediante la stipula di un contratto e il versamento di oneri di concessione e tumulazione.

INUMAZIONE
L’inumazione è il seppellimento di una salma in un campo a terra.
Prevede la concessione gratuita di una porzione di campo e il versamento di diritti di inumazione.

CREMAZIONE
La cremazione è la riduzione in cenere di una salma e/o di resti mortali.


NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria – DPR n.285 del 10.09.1990 e sue modifiche e integrazioni;
  • Legge n. 26 del 28.02.2001;
  • Legge n. 130 del 30.03.2001;
  • Articoli dal 74 al 78 del Codice Civile; 
  • Circolari del Ministero della Sanità n.24 del 24.06.1993;
  • Circolare del Ministero della Sanità n. 10 del 31.07.1998;
  • Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria e per il Servizio del Cimitero approvato con Deliberazione Consiliare n. 85 del 19/12/2005;
  • Regolamento Comunale per il Servizio di Trasporto Funebre approvato con atto del Consiglio n. 126 del 28.12.2000 e successive modifiche e integrazioni;
 
Vedi anche:



Per maggiori informazioni rivolgiti a:

Note legali - Privacy - Elenco siti tematici