Telefono: 0535-49850     Fax: 0535-49840     Email: comunecavezzo@cert.comune.cavezzo.mo.it    

Decesso di un Familiare

Decessi e servizi funebri, Procedure    26/06/2003
Stampa

COSA FARE

  • SE IL DECESSO AVVIENE IN CASA occorre:
    • chiamare il medico curante, o la guardia medica, per l’accertamento delle cause di morte e la redazione di un apposito certificato;
    • avvisare, direttamente o tramite una agenzia di Onoranze Funebri, il medico necroscopico il quale procederà all’accertamento di morte e stilerà un altro certificato;
    • denunciare all’Ufficio di Stato Civile il decesso (fornendo i dati anagrafici del defunto) entro le 24 ore, portando i certificati rilasciati sia dal medico curante (o dalla guardia medica) che dal medico necroscopico.
  • SE IL DECESSO AVVIENE IN OSPEDALE alle certificazioni di cui sopra provvede l’Amministrazione Ospedaliera che le trasmetterà al comune di evento il quale a sua volta le trasmetterà al comune di residenza della persona defunta.
  • SE IL DECESSO AVVIENE PER MORTE VIOLENTA, MORTE IMPROVVISA PER STRADA O IN LUOGHI PUBBLICI, OVVERO IN CASO DI MORTE DI PERSONE CHE VIVONO SOLE
    • è necessario avvertire l’Autorità Giudiziaria (chiamando il 113 o il 112), la quale, dopo gli accertamenti di legge, darà disposizione per la rimozione della salma;
    • ottenuto il NULLA OSTA al seppellimento dalla Procura della Repubblica, sarà possibile redigere l’atto di morte e il permesso di seppellimento a cura dell’Ufficio di Stato Civile dove è avvenuto il decesso.


SUCCESSIVAMENTE…

  • Prendere contatti con una Agenzia di Onoranze Funebri per l’organizzazione del rito funebre.
  • Concordare col personale dell’Ufficio Servizi Cimiteriali:
    • la data e l’ora del rito funebre, specificando il luogo e l’ora di partenza, la modalità di trasporto (corteo a piedi e/o in auto), eventuali soste (che devono essere autorizzate), lo svolgimento di un rito religioso e l’orario previsto per l’arrivo al luogo di seppellimento;
    • la forma di sepoltura scelta (tumulazione, inumazione o cremazione);
    • la postazione di seppellimento in base alla disponibilità del momento e/o alla normativa locale;
  • Recarsi all’Ufficio Servizi Cimiteriali per ritirare il prospetto delle spese e, se il caso, per la stipula della concessione.

TUMULAZIONE
La tumulazione è il seppellimento di una salma o di resti cinerari in un loculo o in celletta per resti.
Prevede, quando non sia già esistente, la concessione d’uso del loculo e/o della celletta per resti mediante la stipula di un contratto e il versamento di oneri di concessione e tumulazione.

INUMAZIONE
L’inumazione è il seppellimento di una salma in un campo a terra.
Prevede la concessione gratuita di una porzione di campo e il versamento di diritti di inumazione.

CREMAZIONE
La cremazione è la riduzione in cenere di una salma e/o di resti mortali.


NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria – DPR n.285 del 10.09.1990 e sue modifiche e integrazioni;
  • Legge n. 26 del 28.02.2001;
  • Legge n. 130 del 30.03.2001;
  • Articoli dal 74 al 78 del Codice Civile; 
  • Circolari del Ministero della Sanità n.24 del 24.06.1993;
  • Circolare del Ministero della Sanità n. 10 del 31.07.1998;
  • Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria e per il Servizio del Cimitero approvato con Deliberazione Consiliare n. 85 del 19/12/2005;
  • Regolamento Comunale per il Servizio di Trasporto Funebre approvato con atto del Consiglio n. 126 del 28.12.2000 e successive modifiche e integrazioni;

Torna all'inizio dei contenuti