Telefono: 0535-49850     Fax: 0535-49840     Email: comunecavezzo@cert.comune.cavezzo.mo.it    

Questa sera, sabato 23 novembre 2019, a San Possidonio “Sogno d’inverno” di Čajkovskij

Notizie    23/11/2019
Stampa

Sabato 23 novembre 2019 ore 21:00
Palazzurro, Polo Scolastico Via Focherini, San Possidonio.

Spira Mirabilis in Čajkovskij
Sinfonia n.1, Sogno d’inverno.

In collaborazione con la Fondazione Scuola di Musica C. & G. Andreoli.
Ingresso gratuito.
Consigliata la prenotazione all’Ufficio Cultura: 0535 417924 – 340 6643676

Così Spira mirabilis introduce a questo evento nuovo sinfonico:
“Non è la prima volta che con la Spira Mirabilis ci addentriamo nel regno delle fiabe: alcuni anni fa era stato Maurice Ravel a introdurci, con la sua musica, ai personaggi di Charles Perrault tratti dai racconti di Ma mère l’Oye, Mamma l’Oca. Nel balletto di Ravel le fiabe erano accompagnate minuziosamente da una musica a tratti quasi didascalica, una musica che non solo descriveva, ma spesso si trasformava nei vari personaggi. Oggi ci approcciamo, per la prima volta, ad un compositore universalmente riconosciuto come tra i più fiabeschi, quel Petr Ilic Tchaikovsky la cui musica è di famiglia fin dall’infanzia per tanti di noi, ma che mai avevamo osato affrontare con la Spira. E sebbene non si tratti di un balletto, e non si incontrino belle addormentate, re dei topi o fanciulle trasformate in cigni, la Prima Sinfonia, composta di notte in preda ad un’allucinata tensione nervosa, è fiabesca fin dal titolo, Sogni d’inverno. Ma l’atmosfera fredda e malinconica che attraversa l’intera composizione (soprattutto nel meraviglioso Adagio, con quel tema dell’oboe iniziale) e che si trova in più di un’occasione affiancata da valzer e da allegri temi popolari russi, ci lascia smarriti: dove ci sta portando questo “viaggio d’inverno”, qual è la “terra desolata” a cui approdiamo? Oggi la fiaba di Tchaikovsky è incompiuta, la nevrosi e l’infelicità del giovane compositore russo iniziano a trapelare e, a salvarci, rimane solo la bellezza assoluta di questa musica sognante”.

Torna all'inizio dei contenuti