Telefono: 0535-49850     Fax: 0535-49840     Email: comunecavezzo@cert.comune.cavezzo.mo.it    

Ricerche d’archivio di pratiche edilizie_modello

Edilizia privata e urbanistica, Moduli scaricabili    2/08/2021
Stampa

In conformità a quanto stabilito dal vigente regolamento comunale approvato con Delibera di Consiglio n.36 del 26/07/20218, a norma della L.n.241/90 e s.m.i. e del D.P.R.n.184/2006,
è consentito l’esercizio del diritto di accesso documentale a chiunque abbia un interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso.

Il diritto di accesso si esercita con riferimento ai documenti ed atti amministrativi materialmente esistenti al momento della richiesta e detenuti alla stessa data dall’Ente.

Non sono ammesse richieste generiche relative ad informazioni che non abbiano forma di documento amministrativo o relative ad intere categorie di atti e di documenti che comportino un’attività di indagine e di elaborazione dati da parte degli uffici comunali. L’Ente non è tenuto ad elaborare dati od informazioni in suo possesso al fine di soddisfare le richieste di accesso.

L’istanza può essere presentata su iniziativa dell’interessato o suo delegato.
La stessa può essere trasmessa all’ufficio relazioni con il pubblico in formato cartaceo per la protocollazione oppure firmata digitalmente ed inviata anche per via telematica (pec: comunecavezzo@cert.comune.cavezzo.mo.it ).

Al fine di permettere una puntuale ricerca d’archivio il richiedente deve indicare con esattezza gli estremi del titolo abilitativo richiesto. In particolare si sono rilevati estremamente utili per una ricerca attenta e ponderata dei precedenti titoli edilizi, i dati desumibili dai rogiti notarili (in possesso della proprietà) che testimoniavano le parti contrattuali e l’oggetto per il quale interveniva la transazione commerciale.
E’ evidente che nell’attuale contesto normativo è essenziale ricostruire con attenzione lo stato legittimo dell’immobile, in quanto presupposto per poter realizzare interventi edilizi sugli stessi, garantirne la regolare circolazione, usufruire delle agevolazioni fiscali previste da normative di settore e garantire l’effettiva stabilizzazione delle abitazioni acquisite.
Ne consegue l’evidente importanza che riveste una corretta attività di ricerca dei precedenti titoli edilizi richiesti.

L’istanza compilata e firmata su modello predisposto dovrà essere completa di:
-copia di documento di identità del richiedente firmatario, in corso di validità,
-eventuale delega di comproprietari, unitamente alle copie dei documenti di identità in corso di validità,
-eventuale incarico a tecnico professionista incaricato, unitamente a documento di identità in corso di validità,
-ricevuta di avvenuto versamento anticipato dei diritti di segreteria per ricerca/estrazione dei documenti richiesti.
L’Imposta di bollo (valore corrente) va assolta solo nei casi di richiesta di copia conforme all’originale.

I diritti di segreteria dovuti sono fissati con Delibera di Giunta Comunale n.60 del 29/06/2021.

Tutti i versamenti verso la pubblica amministrazione devono essere effettuati tramite la piattaforma del PagoPa, accessibile anche dal link https://portale-cavezzo.entranext.it/home (seguire le istruzioni per “pagamento spontaneo” in materia di edilizia)

Si ricorda inoltre che ai sensi dell’art.3 del D.P.R. n.184/2006 la pubblica amministrazione è tenuta a dare comunicazione ai soggetti controinteressati, che possono presentare motivata opposizione alla richiesta di accesso agli atti entro 10 giorni dalla ricezione della trasmissione dell’istanza di accesso considerata.

Le istanze di accesso agli atti vengono normalmente evase entro 30 giorni dalla data di presentazione al protocollo comunale, seguendo l’ordine cronologico di arrivo.
A conclusione del procedimento i richiedenti saranno contattati telefonicamente o a mezzo email e prima della presa visione/estrazione di copia dei documenti richiesti, lo Sportello Unico per l’Edilizia provvederà a comunicare il costo dovuto per i diritti di visura e/o eventuale scansione con invio a mezzo pec in formato A4/A3 del materiale rinvenuto dagli archivi comunali.

 

 

Torna all'inizio dei contenuti