Telefono: 0535-49850     Fax: 0535-49840     Email: comunecavezzo@cert.comune.cavezzo.mo.it    

Stufe e camini a 3 stelle

Notizie    12/11/2018
Stampa

Con ordinanza sindacale n.1529 del 03/10/2018 il Comune di Cavezzo ha recepito gli obiettivi del Piano Aria Integrato Regionale (PAIR 2020) disponendo idonee misure per il miglioramento della qualità dell’aria.
L’obiettivo prefissato è quello di ridurre l’inquinamento atmosferico e contenere gli sforamenti dei limiti delle polveri sottili.
L’ordinanza rende note le disposizioni circa l’utilizzo e l’installazione degli impianti a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico, oltre a misure atte a migliorare il contenimento energetico degli edifici.

In sintesi:
Nuovi impianti a biomassa: dal 1 ottobre 2018 in tutto il territorio regionale è consentita l´installazione di impianti a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico di classe emissiva uguale o superiore a 3 stelle. Dal 1 ottobre 2020 si potranno installare nuovi impianti solo di classe uguale o superiore a 4 stelle.
Uso di impianti a biomassa esistenti: se hai già installato un impianto a biomassa legnosa per il riscaldamento domestico, dal 1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019 puoi utilizzarlo solo se di categoria uguale o superiore a 2 stelle e dal 1 ottobre 2019 solo se di categoria uguale o superiore a 3 stelle. Queste regole valgono solo se l´immobile in cui è presente, ha un sistema alternativo di riscaldamento domestico e se l´impianto si trova sotto i 300 metri di altitudine. Per verificare l’appartenenza ad una determinata classe di qualità del generatore, occorre fare riferimento alla documentazione fornita dal costruttore (Dichiarazione delle Prestazioni Ambientali o Attestato di Certificazione)
Nuovi edifici dal 1° gennaio 2019: sarà possibile costruire nuovi edifici solo ad “energia quasi zero”.
Sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore: negli impianti centralizzati, se tecnicamente possibile ed efficiente in termini di costi, al fine di rilevare il consumo effettivo e la contabilizzazione del fabbisogno energetico per riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria, è confermato l’obbligo di adozione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore.
Esercizi commerciali: è fatto obbligo chiudere le porte degli esercizi commerciali e degli edifici con accesso al pubblico per evitare le dispersioni energetiche nelle fasi di riscaldamento e raffrescamento dei locali.
Olio combustibile: è fatto obbligo la dismissione ad effetto immediato dell’uso di olio combustibile negli impianti termici civili.
Installazione di impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva: è fatto divieto installare tali impianti ed il loro utilizzo in spazi di pertinenza dell’organismo edilizio (quali cantine, box, garage e depositi), in spazi di circolazione e collegamento comuni a più unità immobiliari (quali androni, scale, rampe) e in vani e locali tecnici.
Si ricorda infine che da ottobre 2018 per alimentare i generatori di calore a pellet per il riscaldamento domestico con potenza termica nominale <35kW, è obbligatorio utilizzare pellet che sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 da parte di un Organismo di certificazione accreditato
Il mancato rispetto delle nuove regole prevede sanzioni amministrative pecuniarie oltre all’eventuale accertamento di reati. La verifica dell’osservanza delle disposizioni è demandata al personale di polizia municipale agli agenti/ufficiali di polizia giudiziaria e ogni altro soggetto abilitato dalla normativa vigente.

Link utili
Liberiamo l’aria: https://www.arpae.it/index.asp
Piano Aria PAIR 2020: http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/aria-rumore-elettrosmog/temi/pair2020

Ordinanza Sindacale n 1529

Torna all'inizio dei contenuti